Statute

ENG | ITA


[ENG]


[ITA]

Statuto sociale dell’Associazione culturale di promozione sociale “Game Happens”

ARTICOLO 1
(Denominazione, sede e durata)

È costituita nel rispetto del Codice Civile e della L 383/2000 l’Associazione culturale di promozione sociale denominata “Game Happens” con sede nel comune di Genova in Corso Europa 220/14, CAP 16132, di seguito Associazione. Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria, ma l’obbligo di comunicazione agli uffici competenti. La durata dell’Associazione è illimitata.


ARTICOLO 2
(Finalità)

L’Associazione non ha fini di lucro, è apartitica e aconfessionale. L’Associazione si riserva l’utilizzo del nome “Game Happens” e del relativo marchio. Nessuno dei soci può utilizzare il nome “Game Happens” per scopi personali.

L’Associazione ha come scopi fondamentali:

  • Mettere in relazione tra loro le persone che lavorano nelle industrie dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive, e nei settori affini con l’obiettivo di creare scambio di idee e conoscenze, e in ultima analisi, valore;
  • Favorire la progettazione, la realizzazione, la pubblicazione e la distribuzione di prodotti originali e innovativi attraverso contatti tra persone che operano a diversi livelli nelle industrie dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive;
  • Far conoscere le industrie dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive, e nei settori affini al pubblico non specializzato;
  • Realizzare iniziative che siano occasione di aggregazione nel nome di interessi culturali e che siano stimolo per la creatività e l’avanzamento tecnologico nella produzione ludica, artistica, scientifica e letteraria;
  • Promuovere l’inclusività e la diversità di sguardi nelle industrie dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive, e nei settori affini sempre nel rispetto e nella difesa dei diritti umani e civili, senza discriminazioni;
  • Essere un punto di riferimento per studentesse e studenti che vogliono entrare in contatto con realtà professionali dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive, e nei settori affini; promuovere la cultura ludica e le attività ludiche;
  • Mettere in relazione le realtà professionali regionali che hanno sede in Liguria con ospiti e realtà di carattere internazionale;
  • Mettere in relazione l’intrattenimento digitale e le arti interattive, con l’accademia, con il mondo della ricerca scientifica, con le arti visive, letterarie e performative;
  • Inoltre, l’Associazione riserva ai Soci la possibilità di creare nuove attività culturali a scopo ludico e di promuoverle facendole conoscere ai propri associati e alla società.

ARTICOLO 3
(Attività)

L’Associazione si predispone per svolgere qualsiasi attività, purché legittima, si ritenga necessaria al perseguimento degli scopi sociali, in particolare:

  • Organizzare l’evento “Game Happens!” con cadenza annuale a Genova;
  • Organizzare altre manifestazioni collettive per favorire lo scambio di esperienze e la reciproca conoscenza tra professioniste e professionisti del settore, studentesse e studenti che abbiano un interesse professionale, società, enti e associazioni che abbiano una visione affine a quella dell’Associazione;
  • Organizzare eventi dimostrativi a scopo informativo sulle attività ludiche;
  • Dare visibilità a prodotti ritenuti dall’Associazione come rappresentativi o interessanti per le industrie dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive, e dei settori affini;
  • Costruire le basi di collaborazione con altre associazioni europee e internazionali anche al fine di predisporre progetti concreti di carattere transnazionale;
  • Promuovere attività ludiche a livello locale, regionale, nazionale e transazionale;
  • Realizzare progetti educativi collettivi o rivolti a specifiche organizzazioni, enti e a persone di specifiche fasce di età;
  • Promuovere momenti di formazione ed eventi culturali legati alle industrie dei giochi digitali e non, delle opere di formazione o intrattenimento digitale e delle arti interattive, e dei settori affini;
  • Organizzare tornei a scopo sociale e ludico per coinvolgere persone nell’Associazione;
  • Organizzare serate dimostrative di giochi, mostre, proiezioni e dibattiti sulla cultura ludica;
  • Organizzare cene sociali e altri eventi per la raccolta di fondi;
  • Agevolare lo scambio di informazioni e materiale tra soci;
  • Organizzare viaggi di gruppo per permettere ai soci di partecipare a eventi, mostre, conferenze in Italia o all’estero;
  • Organizzare spese di acquisto per dare ai soci materiale ludico da conoscere e usare;
  • Instaurare e mantenere un canale di dialogo con le pubbliche amministrazioni, con i referenti politici e amministrativi, con le associazioni, gli enti e le organizzazioni rilevanti per le attività dell’Associazione;
  • Comunicare le attività dell’Associazione attraverso canali analogici e digitali (a titolo di esempio non esaustivo: sito web, blog, newsletter, forum, social network, fanzine, opuscoli informativi,…).

I proventi delle attività, gli eventuali avanzi di gestione, fondi, riserve e capitali non possono, in nessun caso, essere divisi tra gli associati, anche in forme indirette.


ARTICOLO 4
(Soci)

Sono ammesse a far parte dell’Associazione tutte le persone fisiche che hanno compiuto la maggiore età e che intendono fare propri gli scopi dell’Associazione.

La persona richiedente, nella domanda di ammissione, dovrà specificare le proprie complete generalità impegnandosi a versare la quota associativa annuale prevista. Il Consiglio Direttivo delibererà sulle domande di ammissione pervenute. Il diniego va motivato.

La qualifica di Socio è personale e non trasmissibile.

I diritti/doveri dei vari soci sono specificati dai Regolamenti Interni, i quali possono prevedere l’istituzione di categorie speciali di soci come, a titolo puramente indicativo e non esaustivo, possono essere i soci onorari e i soci sostenitori.

I Soci si distinguono in:

  • Socio Fondatore
  • Socio Ordinario
  • Socio Sostenitore
  • Socio Onorario

Sono Soci Fondatori coloro i quali partecipano all’atto costitutivo.

Sono Soci Ordinari coloro che versano la quota contributiva stabilita annualmente dal Consiglio Direttivo. I Soci Ordinari partecipano alle Assemblee con diritto di voto.

Sono Soci Sostenitori coloro che danno un aiuto concreto per il perseguimento degli scopi sociali erogando a titolo di contributo volontario una quota annuale definita nei Regolamenti Interni. I Soci Sostenitori  partecipano alle Assemblee con diritto di voto.

Su istanza del Consiglio Direttivo, l’Assemblea Ordinaria può deliberare l’ammissione di Soci Onorari. Possono far parte dell’Associazione in qualità di Soci Onorari le persone fisiche che abbiano ottenuto particolari meriti nel settore di riferimento dell’Associazione stessa. I Soci Onorari partecipano all’Assemblea senza diritto di voto e non possono candidarsi a far parte del Consiglio Direttivo e/o degli altri organi associativi diversi dall’Assemblea.


ARTICOLO 5
(Tesseramento)

Il socio riceverà un codice univoco di identificazione quale documento atto a qualificarlo tale.

I soci sono tenuti all’osservanza dello Statuto, degli eventuali Regolamenti interni e di tutte le deliberazioni prese dagli organi sociali. Le somme versate non sono rimborsabili in nessun caso.

Su proposta di uno o più Soci, l’Assemblea può deliberare di accettare il versamento di eventuali contributi straordinari da parte dei medesimi Soci, finalizzati al compimento di specifiche attività da parte dell’Associazione. Il versamento dei contributi non crea quote indivise di partecipazione rivalutabili o trasmissibili a terzi.

I nominativi dei soci dovranno essere annotati nel registro dei Soci aggiornato dal Segretario o da chi ne fa le veci e di libera consultazione a tutti i soci.


ARTICOLO 6
(Diritti e doveri dei soci)

Tutti i soci hanno i diritti di informazione e di controllo stabiliti dalle leggi, in particolare i soci hanno diritto di accesso ai documenti, delibere, bilanci, rendiconti e registri dell’Associazione.

I soci devono versare nei termini la quota sociale e rispettare il presente statuto e i Regolamenti Interni.

Il comportamento del socio verso gli altri aderenti ed all’esterno dell’associazione deve essere animato da spirito di solidarietà ed attuato con correttezza, buona fede, onestà, probità e rigore morale, nel rispetto del presente Statuto e delle finalità dell’Associazione.

I soci e i loro familiari hanno diritto di partecipare a tutte le attività organizzate dall’Associazione stessa. La partecipazione dei familiari potrà essere regolamentata dai Regolamenti Interni.


ARTICOLO 7
(Recesso ed esclusione dei soci)

La qualità di Socio Ordinario si perde non rinnovando l’iscrizione o per recesso, dandone comunicazione scritta al Presidente almeno tre (3) mesi prima dello scadere dell’anno in corso e con effetto dallo scadere dell’anno stesso.

Il Consiglio Direttivo può inoltre decidere l’espulsione di un socio che mantenga un contegno tale da danneggiare l’Associazione o non osservi lo Statuto, i Regolamenti Interni o le Deliberazioni degli organi sociali.

I soci receduti e/o esclusi non possono richiedere la restituzione dei contributi versati, né hanno diritto alcuno sul patrimonio dell’Associazione.


ARTICOLO 8
(Organi sociali)

Gli organi dell’Associazione sono:

  • l’Assemblea dei soci;
  • il Consiglio Direttivo;
  • il Presidente.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

L’Assemblea è l’organo sovrano dell’Associazione ed è composta da tutti i soci. È convocata almeno una volta all’anno dal Presidente dell’Associazione o da chi ne fa le veci mediante:

  • avviso scritto da inviare via e-mail agli associati, almeno 10 giorni prima di quello fissato per l’adunanza e contenente l’ordine del giorno dei lavori.

L’Assemblea è, inoltre, convocata a richiesta di almeno un quinto dei soci o quando il Consiglio Direttivo lo ritiene necessario.

L’Assemblea può essere ordinaria o straordinaria. È straordinaria quella convocata per la modifica dello statuto, la delibera del trasferimento della sede legale e lo scioglimento dell’Associazione. È ordinaria in tutti gli altri casi.

L’assemblea deve:

  • approvare il bilancio preventivo e consuntivo;
  • redigere il rendiconto economico finanziario annuale;
  • fissare l’importo della quota sociale annuale;
  • determinare le linee generali programmatiche dell’attività dell’Associazione;
  • approvare gli eventuali regolamenti interni;
  • deliberare in via definitiva sulle domande di nuove adesioni e sulla esclusione dei soci;
  • eleggere il Consiglio Direttivo;
  • deliberare su quant’altro demandatole per legge o per statuto, o sottoposto al suo esame dal consiglio direttivo.

ARTICOLO 9
(Assemblea dei soci)

L’Assemblea dei soci è convocata annualmente dal Presidente per la redazione del rendiconto economico finanziario annuale.

L’Assemblea straordinaria dei soci è convocata dal Presidente con preavviso di almeno 15 giorni o dal Consiglio Direttivo o quando lo richiedano almeno un decimo dei soci. In caso di modifiche dello Statuto è necessaria la convocazione dell’Assemblea straordinaria che delibera a maggioranza di almeno tre quarti dei presenti.


ARTICOLO 10
(Validità assemblee)

All’Assemblea dei soci possono partecipare tutti i soci. Ogni socio può rappresentare soltanto un altro socio. Non è ammessa la rappresentanza plurima. Le Associazioni hanno diritto a un solo voto e possono delegare un loro iscritto a rappresentarle. In prima convocazione all’Assemblea devono essere presenti almeno la metà più uno dei soci. In seconda convocazione l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti. L’Assemblea dei soci approva il rendiconto economico finanziario annuale ed elegge i membri elettivi del Consiglio Direttivo.

Le discussioni e le deliberazioni dell’assemblea ordinaria e straordinaria sono riassunte in un verbale che viene redatto dal Segretario o, in sua mancanza, da un componente dell’assemblea appositamente nominato. Il verbale viene sottoscritto dal Presidente e dall’estensore ed è trascritto su apposito registro, conservato nella sede dell’associazione. Il registro manuale può essere sostituito da un registro informatico firmato digitalmente dal Presidente. Ogni socio ha diritto di consultare il verbale e di trarne copia.


ARTICOLO 11
(Consiglio Direttivo)

Il Consiglio Direttivo si riunisce ogni volta che lo riterrà opportuno su convocazione del Presidente o di metà dei componenti. La seduta sarà validamente costituita se saranno presenti almeno la metà dei consiglieri. Il Consiglio Direttivo decide a maggioranza di metà più uno dei membri presenti. In caso di parità, il voto del Presidente vale doppio. Ogni Consigliere può essere rappresentato soltanto da un altro membro del Consiglio.

Il Consiglio Direttivo amministra l’Associazione assumendosi le relative responsabilità legali e amministrative, approvando eventualmente Regolamenti Interni. Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni.

Il Consiglio Direttivo viene formato attraverso la votazione dell’Assemblea dei soci. Tutti i soci possono liberamente candidarsi a essere eletti come membri del consiglio direttivo.


ARTICOLO 12
(Cariche sociali)

All’interno del Consiglio Direttivo vi sono un Vicepresidente, un Segretario e un Tesoriere. Essi durano in carica tre anni e sono rieleggibili. Un membro del Consiglio Direttivo può ricoprire fino a due cariche sociali.

Il Vicepresidente sostituisce a tutti gli effetti il Presidente in caso di assenza o di impedimento.

Il Segretario cura i verbali dell’Assemblea dei soci e tiene la corrispondenza, aggiornando il relativo protocollo, cura la convocazione dei soci e dei consiglieri.

Il Tesoriere conserva i libri sociali e contabili, provvede alle spese da pagarsi su mandato del consiglio direttivo, provvede alla riscossione delle quote sociali e redige il rendiconto economico finanziario annuale.

Il Consiglio Direttivo al completo coordina la riscossione delle quote e delle altre entrate, il pagamento delle spese e la tenuta dei registri, custodisce e amministra il patrimonio sociale secondo le direttive del Consiglio. I prelevamenti e i mandati di pagamento devono essere firmati dal Presidente o Vicepresidente e controfirmati da un socio del Consiglio Direttivo.


ARTICOLO 13
(Presidente)

Il Presidente dell’Associazione dura in carica tre anni e può essere rieletto anche più di una volta. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione, presiede il Consiglio Direttivo e l’Assemblea; convoca l’Assemblea dei soci e il Consiglio Direttivo sia in caso di convocazioni ordinarie che straordinarie. Il Presidente è eletto dall’Assemblea dei soci tra i componenti del Consiglio Direttivo.


ARTICOLO 14
(Patrimonio)

Il patrimonio sociale è indivisibile ed è costituito dal patrimonio mobiliare e immobiliare di proprietà dell’Associazione e dalle somme accantonate da utilizzare per il perseguimento degli scopi sociali.

L’Associazione persegue gli scopi e promuove le attività di cui al presente Statuto con i fondi derivati dalle quote tessera associativa, e dalle attività previste dall’articolo 4. L’Associazione potrà inoltre accettare lasciti, donazioni o altre liberalità, da parte di privati, enti e società, nel rispetto delle vigenti Leggi in vigore.

Le entrate dell’Associazione sono costituite da:

  • Quote annuali ordinarie a carico dei Soci;
  • Eventuali contributi straordinari, richiesti in relazione a particolari iniziative che richiedessero disponibilità eccedenti quelle del bilancio ordinario;
  • Versamenti volontari degli associati;
  • Contributi vari da Enti pubblici, istituti di credito ed Enti in genere;
  • Sovvenzioni, donazioni, lasciti o altre liberalità di terzi, di enti, di società o di associati;

Il Socio che cessi per qualsiasi motivo di far parte della Associazione perde ogni diritto al patrimonio sociale.


ARTICOLO 15
(Risoluzione delle controversie)

Qualunque controversia dovesse insorgere tra i soci dovrà essere rimessa alla decisione di un’Assemblea dei soci, alla quale il Consiglio Direttivo avrà lo scopo di corte giudiziaria, essa giudica quali amichevoli compositori, con dispensa da ogni formalità di procedure. Il loro lodo sarà inappellabile.


ARTICOLO 16
(Rapporti con altre Associazioni)

L’Associazione potrà aderire ad altre Associazioni e Organizzazioni con analoghe finalità o a iniziative ricreative e culturali conformi agli scopi Statutari.


ARTICOLO 17
(Scioglimento e devoluzione del patrimonio)

Per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio occorrono le maggioranze di cui all’articolo 9.

In caso di scioglimento dell’Associazione i beni mobili e immobili appartenenti all’Associazione e non agli associati verranno devoluti ad altre Associazioni senza fini di lucro che perseguono analoghe finalità.


ARTICOLO 18
(Disposizioni finali)

Per tutto ciò che non è espressamente previsto dal presente statuto si applicano le disposizioni previste dal Codice Civile e dalle leggi vigenti in materia.